Introduzione al controllo di versione

QUANTE volte scrivendo il codice di un qualsiasi sorgente vi siete accorti che il lavoro delle ultime due ore era del tutto sbagliato e avreste voluto tornare indietro al codice di due ore prima, oppure non riuscite a capire per quale modifica il codice non funziona più. Bè se vi siete trovati in questa situazione allora avete bisogno del controllo di versione.

Il controllo di versione, o version control (VCS), è un software per la gestione di versioni differenti di un qualsiasi tipo di informazione (disegni, sorgenti, libri). In particolare nel campo della programmazione si occupa di tenere traccia di tutte le modifiche apportate ai file sorgente di un progetto software, questo può benissimo essere un sorgente scritto in C oppure un applicazione web o più semplicemente un plugin di WordPress, ma potrebbe benissimo essere un libro che stiamo scrivendo.

Il controllo di versione tenendo traccia di ogni modifica apportata consente di ritornare facilmente a vecchie versioni, di ricordarci ogni modifica che abbiamo apportato e di lavorare su versioni differenti dello stesso sorgente.

Solitamente il controllo di versione si utilizza su architetture di tipo client server. Ovvero c’è un server che contiene i repository (la raccolta di tutti i dati) e i client da remoto ci accedono per scaricare la copia locale su cui lavorare. Una volta finite le modifiche si “ricarica” la copia locale nel repository in modo da archiviare e volendo anche condividere le modifiche. Il modo più veloce per accedere ai repository è tramite linea di comando ma per chi non ci si trovasse bene esistono anche delle interfacce grafiche.

Un altra importantissima caratteristica è il supporto alla stesura collaborativa tra più persone dello stesso progetto, con il controllo di versione è possibile condividere gli stessi file sorgente sempre aggiornati e visualizzare chi ha modificato cosa. Alcuni software semplicemente impediscono a più persone contemporaneamente di modificare lo stesso file (lock) altri invece offrono strumenti (come il merge) per consentire l’unione di modfiche contemporanee dello stesso file e di risolvere eventuali conflitti che ne scaturiscono.

Dopo quest’introduzione vi presento un non esaustivo decisamente “alla mano” glossario e qualche risorsa per Subversione il software di controllo di versione più diffuso. In realtà questo post mi serviva per introdurre il prossimo che pubblicherò, nel quale confronterò tre VCS ovvero Git, Mercurial e Bazaar.

Glossario

Alcuni termini da conoscere che accomunano più o meno tutti i software di controllo di versione.
Commit: operazione con cui si carica la working copy nel repository
Repository: archivio dove risiede il progetto e tutte le revisioni, attraverso il quale è possibile risalire a revisioni precedenti, solitamente ci si accede da remoto.
Working Copy: è la copia locale del progetto a cui stiamo lavorando
Revision: è un numero che identifica ogni commit
Merge: è l’unione di modifiche concorrenti dello stesso file
Checkout: azione che si compie per scaricare in locale la working copy
Tagging: dare un preciso nome di versione ad una revisione
Branching: duplicare i dati sotto controllo di versione per portare avanti sviluppi paralleli dello stesso progetto
Log: registrazione cronologica di ogni operazione effettuata
Diff: comando per visualizzare le differenze tra due diverse revisioni

Subversion

Comando: svn
Nota storica: Naturale sucessore di CVS è nato nel 2000 ed è rilasciato sotto la stessa licenza di Apache. E’ forse il software per il controllo di versione più diffuso. Dal 2009 è stato incluso nei progetti dell’Apache software foundation.
Progetti che lo utilizzano: KDE, GCC, PHP
Applicazione grafica: TortoiseSVN (Windows) SvnX (MAC) kdesvn (KDE)
Sito ufficiale: subversion.apache.org
Guida: libro “Controllo di versione con Subversion” (quasi interamente tradotto in italiano)
Cheat sheet: Subversion-cheat-sheet.png
Hosting gratutito per progetti open source: code.google.com/hosting, projectlocker.com, freepository.com, sourceforge.net, BerliOS
Altro: molto comodo Subclipse il plugin per integrare SVN in Eclipse.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>